Momenti di paura, questa notte, a Milano: un vasto incendio ha interessato il centro commerciale Coop che sorge in via Palmanova. Come rende noto il Comando Provinciale dei vigili del fuoco di Milano, sul posto sono intervenuti numerosi automezzi: le operazioni di spegnimento del rogo, come detto molto esteso, sono terminate alle prime ore del mattino. Stando alle prime informazioni, vista l'ora tarda in cui è scoppiato il rogo, non ci sarebbero feriti né intossicati: quando le fiamme sono divampate nel centro commerciale non c'era nessuno. A dare l'allarme sarebbe stato un addetto del parcheggio che è ospitato nella struttura. Ancora sconosciute le cause dell'incendio: sarà compito di pompieri e forze dell'ordine stabilire l'origine del rogo, così come quantificare l'esatto ammontare dei danni riportati dalla struttura. Stando a quanto emerge dai primi rilievi, a riportare le conseguenze peggiori sarebbero stati alcuni uffici vicino al Centro medico Sant'Agostino, ospitato all'ultimo piano dell'edificio: il centro medico, invece, sarebbe stato risparmiato dalle fiamme, che potrebbero essersi sviluppate proprio a partire dal tetto. Anche gli altri negozi del centro commerciale (tra cui vi è anche un supermercato Coop) avrebbero riportato danni, dovuti soprattutto all'acqua utilizzata dai pompieri per spegnere il rogo.

Ieri un altro incendio in centro a Milano

Soltanto nella giornata di ieri, un altro incendio ha interessato un'altra zona abbastanza centrale di Milano: un rogo è divampato in un capannone dello Scalo Farini, in via Valtellina. Per fortuna, le fiamme si sono sprigionate all'interno di un capannone abbandonato dello scalo ferroviario, per cui non si registrano feriti né intossicati. Dall'incendio si è sviluppata un'alta colonna di fumo nero, visibile anche a chilometri di distanza: sul posto carabinieri, 118 e vigili del fuoco, che hanno estinto le fiamme. Stando a una prima ricostruzione sulle cause, il rogo potrebbe essere stato originato da un copertone che si è surriscaldato per il troppo caldo, facendo così divampare le fiamme nel capannone.