(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Un incendio è divampato la scorsa notte a Milano all'interno di una ditta che si occupa dello smaltimento di rifiuti. Le fiamme, secondo quanto riportato dall'Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) hanno interessato l'azienda Acm (Azienda cartaria milanese) che si trova in via Campazzino, alla periferia Sud del capoluogo lombardo e vicina al Parco agricolo Sud Milano. Non è però chiaro se l'incendio sia scoppiato all'interno della ditta o se sia partito da materiali depositati vicino all'azienda, forse in qualche stabile dismesso. I vigili del fuoco sono intervenuti con diversi automezzi attorno alle tre di notte e hanno spento il rogo: nessuno è rimasto ferito. Proseguono nella giornata odierna le operazioni di smassamento: una gru provvederà a sollevare i rifiuti bruciati per capire esattamente cosa sia bruciato.

Il rogo forse è stato doloso: si teme per la presenza di amianto

Ci sono due aspetti che preoccupano: il primo è che l'incendio potrebbe essere stato di natura dolosa. Il secondo invece è relativo alla salute pubblica: a bruciare sarebbero stati soprattutto cumuli di carta, materiale nel cui smaltimento e riciclo è specializzata l'azienda. Ma i vigili del fuoco avrebbero riferito che nel rogo sono finiti anche materiali di altra natura, come plastica e anche amianto. Per questo motivo sul posto sono intervenuti anche esperti dell'Agenzia per la tutela della salute e dell'Arpa che hanno effettuato rilievi sulla possibile presenza nell'aria di sostanze inquinanti. La questura di Milano avrebbe riferito ad alcune agenzie di stampa che non vi sarebbero rischi per le persone residenti nell'area. Si attendono comunque gli esiti dei rilievi effettuati da Ats e Arpa e anche di quelli effettuati nell'immediatezza del rogo dai vigili del fuoco del gruppo Nucleare, batteriologico, chimico e radiologico (Nbcr).