7 CONDIVISIONI

I presunti aggressori di Niccolò Bettarini negano tutto: “Non siamo stati noi, non sapevamo chi fosse”

Alessandro F., uno dei quattro indagati per aggredito e accoltellato il 19enne Niccolò Bettarini, si è difeso così nel corso del suo interrogatorio: “Non l’ho accoltellato io, non sapevo nemmeno che fosse Niccolò Bettarini, l’ho saputo solo in carcere che era lui. Nemmeno ho visto chi ha usato il coltello”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Enrico Tata
7 CONDIVISIONI
Niccolò Bettarini (foto Facebook)
Niccolò Bettarini (foto Facebook)

Non confessano i quattro ragazzi fermati per l'aggressione a Niccolò Bettarini, figlio dell'ex calciatore Stefano e della conduttrice Simona Ventura. I due italiani, Davide C., 29 anni, sospettato di aver accoltellato il ragazzo, Alessandro F. di 24, legato ad ambienti di estrema destra e i due albanesi di 29 e 23 anni hanno negato tutto. In particolare il 24enne Alessandro si sarebbe difeso così nel corso dell'interrogatorio: "Non l'ho accoltellato io, non sapevo nemmeno che fosse Niccolò Bettarini, l'ho saputo solo in carcere che era lui. Nemmeno ho visto chi ha usato il coltello". "Il mio assistito è dispiaciuto per quello che è successo", ha riferito il suo legale, l'avvocato Mirko Perlino.

L'aggressione a Niccolò Bettarini

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il 24enne e un amico di Bettarini avevano litigato circa quattro mesi fa in un'altra discoteca di Milano, il ‘Gate', per una questione di tavoli nel privè. I due si sarebbero rivisti sabato notte all'Old Fashion. L'amico del 19enne aggredito avrebbe anche offerto da bere all'indagato. A quel punto sarebbero arrivate altre persone che invece avrebbero colpito con uno schiaffo il giovane. All'uscita del locale, all'alba di domenica, i due gruppi si sono incontrati di nuovo e Niccolò Bettarini, intervenuto per difendere l'amico, è stato picchiato e accoltellato ben otto volte. Ieri sera la Procura di Milano ha chiesto la convalida dei fermi e la custodia in carcere per tutti e quattro gli indagati. Al termine degli interrogatori, che si stanno tenendo in queste ore, il giudice deciderà come procedere.

7 CONDIVISIONI
Violenza sessuale alle terme di Milano, il presunto aggressore è stato identificato dai tatuaggi
Violenza sessuale alle terme di Milano, il presunto aggressore è stato identificato dai tatuaggi
Tenta il suicidio buttandosi nel fiume dopo essere stata violentata: identificato l'aggressore, è un 16enne
Tenta il suicidio buttandosi nel fiume dopo essere stata violentata: identificato l'aggressore, è un 16enne
"I campi di concentramento? Una vostra idea": i neonazisti negano l’Olocausto alla marcia per le foibe
"I campi di concentramento? Una vostra idea": i neonazisti negano l’Olocausto alla marcia per le foibe
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni