Avrebbe dovuto rimanere sulla sedia, impossibilitato ad alzarsi per via della sua invalidità. Ma invece un uomo di 57 anni residente a Flero, nel Bresciano, alcuni giorni fa ha preso attivamente parte a una rissa in un bar di Gavardo, sempre in provincia di Brescia, e alla fine si è anche rivolto ai carabinieri per chiedere aiuto.

È stata proprio quest'ultima mossa a tradirlo: i militari dell'Arma di Gavardo, infatti, dopo aver preso le generalità dell'uomo hanno iniziato a fare degli accertamenti sul suo conto e si sono insospettiti quando hanno scoperto che 57enne risultava gravemente invalido a seguito di un incidente stradale e dal 2014 ha percepito una pensione di invalidità pari a circa 100mila euro: 87mila di pensione vera e propria e 20mila come indennità di accompagnamento, come specifica la testata locale "Bresciatoday" che ha riportato la notizia.

L'uomo denunciato per truffa aggravata e continuata ai danni dell'Inps

A incastrare definitivamente l'uomo sono state però le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza del bar. Nei filmati si è visto il ruolo attivo del falso invalido durante la rissa. Il 57enne, secondo la documentazione medica, non avrebbe dovuto neanche alzarsi dalla sedia. E invece, nonostante le stampelle e l'asserita mancanza di mobilità, durante la rissa ha partecipato attivamente alla colluttazione. La rissa potrebbe adesso costare davvero cara al 57enne, che è stato denunciato per truffa aggravata e continuata ai danni dell'Inps. Presto potrebbe arrivare il rinvio a giudizio: in caso di condanna dovrà sicuramente restituire allo Stato quanto indebitamente percepito in questi ultimi sei anni.