Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Poteva avere tutt'altro epilogo la caduta di un bambino di 4 anni registrata nella mattinata di ieri, domenica 12 luglio, a Gandellino, paesino in provincia di Bergamo. Tutto è accaduto mentre la famiglia del piccolo si trovava in gita per il weekend agli Spiazzi dell'Acqua, zona della località in Val Sedornia che si trova a 1.500 metri d'altezza. Secondo quanto ricostruito, per cause ancora da accertare, il piccolo è caduto da battendo la testa. L'allarme, scattato subito, ha portato il soccorso alpino a uscire immediatamente per medicarlo. Due tecnici della stazione di Valbondione lo hanno portato con la jeep all'ambulanza sopraggiunta che l'ha trasportato in ospedale. Fortunatamente, le sue condizioni non sono gravi.

Escursionista muore in Valbondione dopo caduta di 150 metri

E proprio in Valbondione, lo scorso mercoledì 1 luglio, un'escursionista di 72 anni ha preso la vita in un tragico incidente. La donna, di origini tedesche, è precipitata per circa 150 metri mentre, in compagnia di un'altra escursionista, stava attraversando una zona impervia, morendo sul colpo a causa dei gravi traumi riportati. L'episodio, stando a quanto comunicato dall'Azienda regionale emergenza urgenza e dal Soccorso alpino e speleologico lombardo, è avvenuto attorno alle 11 nella zona del Passo del Corno a Valbondione, in provincia di Bergamo. Stando a quanto ricostruito la vittima era in compagnia di un'altra escursionista: le due donne avevano lasciato il rifugio Curò per raggiungere il rifugio Mario Merelli al Coca, a oltre 2.200 metri di altezza.