Giuseppe Bellanca (Facebook)
in foto: Giuseppe Bellanca (Facebook)

È un tenore del Teatro alla Scala la vittima dell'incidente stradale avvenuto questa notte a Milano, in piazzale Ovidio. Giuseppe Bellanca, 48enne originario di Palermo, è morto dopo essersi scontrato per cause da accertare con la sua moto contro un camion. La notizia della sua morte sta facendo in poco tempo il giro di tutta Italia: sui social network sono già apparsi molti messaggi di cordoglio da parte di suoi colleghi musicisti e di suoi conoscenti. Bellanca aveva studiato violino e chitarra classica al Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo: poi si era avvicinato alla lirica, studiando canto al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Era entrato a far parte del Coro del Teatro Massimo di Palermo e poi in quello del Teatro alla Scala, dove si era esibito anche come solista.

Ancora da ricostruire la dinamica dell'incidente

La dinamica dell'incidente avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì è ancora al vaglio della polizia locale di Milano. Lo schianto si è verificato attorno alle 2 di notte in piazza Ovidio, zona Mecenate. Il tenore Bellanca stava percorrendo via Marco Bruto in sella alla sua moto, una Honda, quando è finito contro un autoarticolato. L'impatto è stato violentissimo e il corpo dell'uomo è stato sbalzato a metri di distanza mentre la moto si è praticamente distrutta. Bellanca è morto praticamente sul colpo: all'arrivo dei soccorritori per lui non c'era ormai più niente da fare. Bellanca è la sesta vittima sulle strade milanesi nel giro di una settimana.

I messaggi di cordoglio per la morte del tenore Bellanca

Tra i tanti messaggi di cordoglio per la scomparsa del tenore Bellanca da segnalare quello di Bruno Nicoli, direttore dei complessi musicali di palcoscenico del Teatro alla Scala e direttore d'orchestra: "Quando se ne va improvvisamente una persona giovane che è il ritratto della della gioia di vivere, il dolore è più grande. Ci mancherai. Ci mancherà la tua simpatia, la tua bella voce, la tua vitalità contagiosa. Oggi il teatro è come fosse vuoto. Condoglianze alla famiglia". tanti messaggi anche da Palermo: "Notizia devastante della scomparsa di un fratello, Giuseppe Bellanca, inaccettabile, incredibile… La sua allegria, gioia di vivere, il suo talento, una perla fra i musicisti palermitani, ti voglio bene fratello mio..