Saracinesche abbassate per 20 giorni per un locale di via Lazzaro Palazzi, in zona Porta Venezia a Milano: su disposizione della Questura meneghina, ieri gli agenti del commissariato Garibaldi Venezia della Polizia di Stato hanno apposto i sigilli al locale, al quale è stata sospesa la licenza per 20 giorni, appunto. La decisione è arrivata dopo un blitz che aveva portato gli uomini della Squadra Mobile a scoprire, negli ambienti dell'esercizio commerciale, 50 grammi di hashish e 30 grammi di cocaina: la sostanza stupefacente era occultata dietro il bancone del bar e nella cassetta di sicurezza del locale; ritrovati anche un bilancino di precisione e 590 euro in contanti, ritenuti provento dell'attività di spaccio.

La scoperta è arrivata dopo un servizio di appostamento durante il quale gli agenti della Mobile hanno notato un uomo entrare nel locale e prelevare uno strano involucro: dopo averlo fermato, gli agenti hanno scoperto che si trattava di cocaina. I poliziotti hanno proceduto anche alla perquisizione delle abitazioni dei due titolari del locale, due uomini di 35 e 31 anni: a casa di quest'ultimo, gli agenti hanno ritrovato una pistola calibro 7.65 con caricatore che, da accertamenti più approfonditi, è risultata essere stata rubata a Roma. Per i due titolari dell'esercizio commerciale sono scattare le manette con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti: per il 31enne è scattata anche l'accusa di possesso illegittimo di arma da fuoco e ricettazione.