Era un falso medico, in Italia senza permesso di soggiorno. E si spacciava per "guaritore" millantando una cura miracolosa per sconfiggere il cancro che però si faceva pagare a caro prezzo ed era totalmente inefficace. Con l'accusa di truffa aggravata i carabinieri hanno arrestato Diego O.M, cittadino colombiano di 51 anni. L'uomo è finito in manette lo scorso sabato e dopo la convalida dell'arresto da parte del giudice per le indagini preliminari si trova in carcere. A raccontare la vicenda è stato il quotidiano locale "Bresciaoggi". L'arresto dell'uomo è infatti avvenuto a Berlinghetto, una frazione di Berlingo (comune del Bresciano) dove il 51enne aveva aperto il suo studio e riceveva i pazienti. Il timore di chi indaga è che le persone raggirate dal finto guaritore possano essere tante, spinte dalla paura e dalla disperazione.

Chiedeva 15mila euro per curare il cancro con delle erbe

Il 51enne sfruttava la malattia per raggirare le sue vittime, a cui chiedeva 15mila euro (pagabili anche a rate) per una terapia a base di tisane preparate a partire da varie erbe. Oltre all'inefficacia del suo metodo a livello scientifico, l'aspetto più inquietante è che il falso guaritore suggeriva ai malati di interrompere le loro cure mediche, quelle corroborate dalle evidenze scientifiche, per seguire la sua terapia farlocca. Un suggerimento criminale. Per fortuna una delle persone che si è rivolta al finto guaritore ha capito che qualcosa non andava: si tratta del figlio di un uomo affetto da un tumore al cervello. Il ragazzo, dopo aver sentito le richieste, sia economiche sia mediche dell'uomo, ha allertato i carabinieri: in collaborazione con i militari dell'Arma è stata organizzata la prima tranche del pagamento. Subito dopo aver intascato i primi 800 euro, ai polsi del 51enne sono scattate le manette.