Sono dovuti intervenire i carabinieri per sedare una lite scoppiata tra un ex marito geloso e il presunto amante della ex moglie. Con un piccolo particolare: l'amante era infatti il sacerdote di una parrocchia del Piacentino, anche se adesso è stato allontanato dalla diocesi. L'episodio, riportato da diverse testate, risale in realtà alla fine di giugno ed è avvenuto nel parcheggio di un centro commerciale alla periferia di Cremona. Pare che da tempo l'ex marito perseguitasse la sua ex compagna, per cercare di capire se e con chi avesse instaurato una nuova relazione. L'uomo, dopo che la donna si era rivolta alle forze dell'ordine a causa della sua insistenza, aveva anche ricevuto un ammonimento, un primo provvedimento per chi si rende protagonista di stalking.

L'ex marito geloso non si era però arreso: aveva seguito l'ex compagna fin nel parcheggio del centro commerciale cremonese. Poi aveva aperto la portiera dell'auto sorprendendo la donna in atteggiamenti intimi con il prete. Tra i due uomini è nata una lite che è ben presto degenerata: dopo ripetute offese il religioso avrebbe colpito con un pugno l'ex marito, che a quel punto si è rivolto ai carabinieri. I militari dell'Arma erano intervenuti riportando la calma e ascoltando tutti i presenti per sentire le diverse versioni. L'ex marito si era fatto medicare in ospedale ma non aveva sporto denuncia. Ha però deciso di vendicarsi in altro modo per il presunto torto subito: ha infatti chiamato la diocesi d'appartenenza del prete sorpreso in atteggiamenti equivoci con l'ex moglie e ha raccontato tutto. La sua versione è stata a quanto pare sufficiente per far prendere al vescovo la decisione di allontanare il sacerdote dalla sua parrocchia.