(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Ha trovato per terra un portafoglio con all'interno 800 euro in contanti, oltre a bancomat, carte di credito e documenti. L'autore del ritrovamento, un ragazzino di 16 anni residente a Castelverde, in provincia di Cremona, non ci ha pensato su un attimo e, dopo aver raccolto il borsellino da terra, lo ha portato alla polizia ferroviaria, consegnandolo con il suo contenuto intatto. Di gesti come quelli compiuti da Dejan F. studente al terzo anno del liceo Anguissola di Cremona, ce ne sono tanti, anche nelle cronache: ma è sempre bene sottolinearli per evidenziare come i giovani non siano solo quelli che si lasciano tentare da "sfide" pericolose (un caso era successo proprio qualche tempo fa a Castelverde, con ragazzini che si erano stesi per strada sfidando le auto di passaggio) o una generazione senza valori, ma decisamente il contrario.

Un riconoscimento ufficiale per Dejan e i suoi genitori

In tempi in cui l'attivismo dei giovani (si veda Greta Thunberg e l'esercito dei Fridays for future) viene messo in discussione soprattutto dagli adulti, è quindi ancora più necessario sottolineare comportamenti virtuosi come quello del 16enne in questione. Più che giusto, dunque, che il ragazzino venga premiato con una cerimonia ufficiale, come annunciato dal quotidiano "La Provincia di Cremona", che ha riportato la notizia dell'episodio. I soldi trovati da Dejan per terra appartenevano infatti a un'associazione di Cremona, Sa Domu Sarda, ed erano parte dell'incasso di una manifestazione che l'associazione aveva tenuto in città. Adesso il presidente del circolo, Antonio Milia, intende incontrare personalmente Dejan e i suoi genitori per ringraziarli del bel gesto del sedicenne: il migliore esempio di come le giovani generazioni possano davvero cambiare, in meglio, il nostro Paese e tutto il pianeta.