È tornato a casa ubriaco, come spesso era avvenuto anche in passato. E un uomo di 39 anni ha iniziato a inveire contro la moglie, cercando di colpirla con una bottiglia di liquore. È a quel punto che una delle tre figlie della coppia, una bambina di nove anni, si è messa in mezzo nella colluttazione tra i genitori nel tentativo di aiutare la madre e sottrarla alle violenze. Il papà però non si è fermato e ha colpito la bambina, graffiandola al petto. Anziché assumersi le proprie responsabilità l'uomo, originario della Romania e nullafacente, ha pensato bene allora di cercare di incolpare la propria moglie per quell'aggressione: lui stesso ha chiamato i carabinieri, che sono intervenuti nell'abitazione della coppia, in via Geromini a Cremona, dicendo che era stata la donna a fare male alla bambina.

La bambina è stata dimessa con tre giorni di prognosi

Ai carabinieri è bastato poco però per appurare la verità: il marito e padre violento è stato denunciato, mentre la figlia è stata prima soccorsa sul posto dal personale paramedico del 118 e poi accompagnata all'ospedale Maggiore di Cremona per essere visitata dai medici. La vicenda, avvenuta la scorsa notte, è costata al 39enne una denuncia a piede libero per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. La figlia del padre violento se l'è invece cavata con una prognosi di tre giorni per le lesioni riportate nella colluttazione. Adesso però proseguono le indagini dei militari dell'Arma, guidati dal maggiore Rocco Papaleo: per cercare di capire se anche in passato vi siano stati episodi di maltrattamenti da parte dell'uomo nei confronti della moglie, una connazionale di 38 anni e delle tre figlie minori della coppia.