Tiziano Fratus allo stadio (Foto Facebook: Tiziano Fratus)
in foto: Tiziano Fratus allo stadio (Foto Facebook: Tiziano Fratus)

Tiziano Fratus, l'operaio morto ieri – martedì 18 febbraio – a Meano di Corzano (Brescia) a 35 anni, potrebbe essere stato colto da malore prima di precipitare nel canale in cui è stato rinvenuto. Caduto da una gru con la quale recuperava le carcasse degli animali, avrebbe battuto la testa contro il suolo nella roggia prosciugata che inizialmente si credeva colma d'acqua. La presunta causa del decesso iniziale, infatti, sembrava l'annegamento. L'allarme era scattato verso le 13.30 quando i colleghi avevano notato il corpo dell'uomo che non dava segni di vita. Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 che però, nonostante i tentativi di rianimazione, ne hanno constatato il decesso. 

Chi era Tiziano, tifoso sfegatato del Brescia

Secondo quanto riportato da "BresciaToday", la causa della morte di Tiziano potrebbe essere ricondotta o al presunto malore o al trauma cranico riportato successivamente. Sul luogo dell'incidente erano arrivati anche i vigili del fuoco e i carabinieri di Chiari. La procura intanto ha aperto un fascicolo a riguardo. La sua salma è ora a disposizione dell'Autorità giudiziaria che dovrà valutare se effettuare ulteriori accertamenti o meno sul cadavere dell'uomo. Non sarebbe infatti esclusa l'autopsia per fugare i dubbi circa le cause del decesso. Tiziano avrebbe compiuto 36 anni nel giro di due mesi e secondo la testata locale era molto conosciuto dalle sue parti. Nato e cresciuto a Frontignano, una frazione di Barbariga, era volontario alla sagra di Sant'Alberto e molto tifoso del Brescia. Ora i suoi famigliari, i genitori e due fratelli, sono in attesa del nulla osta per poter procedere con i funerali.

Il saluto del fratello: Sei diventato un angelo, proteggici

Distrutto dal dolore, uno dei due fratelli di Tiziano, Michele, ha affidato a Facebook le sue parole di saluto al fratellino scomparso. Condividendo una foto del suo matrimonio, in cui Tiziano gli ha fatto da testimone di nozze, Michele Fratus ha scritto: "Non ho parole, noi ci capivamo solo guardandoci. Lorenzo mi ha detto che sei diventato un angelo ma non ci credo, torna da me". Nel messaggio, Michele ricorda il volto di Tiziano "visto ieri per l'ultima volta" che non riesce a togliersi dalla testa. "Vorrei scrivere per ore – conclude Michele – ma purtroppo le lacrime mi coprono la visuale. Ti amo fratellino, proteggici da lassù".