La busta trovata nella posta dai condomini (foto Matteo Zorzoli)
in foto: La busta trovata nella posta dai condomini (foto Matteo Zorzoli)

Un gesto di solidarietà e vicinanza, fatto in silenzio e con discrezione. A Vigevano una famiglia ha lasciato nella cassetta della posta di tutti i vicini una busta con tre mascherine. Un piccolo aiuto per affrontare l'emergenza coronavirus nella cittadina della provincia di Pavia che è tra le più colpite dal contagio, con 170 ricoverati di cui 24 in terapia intensiva

Una busta con tre mascherine per tutti i vicini di casa: il gesto solidale di una famiglia cinese

"Un gesto che vale più di mille parole. Da qualche mese nel nostro condominio è venuta ad abitare una famiglia cinese. Stasera in tutte le cassette della posta ci hanno fatto trovare questa busta con tre mascherine", ha raccontato il giornalista Matteo Zorzoli, che ha condiviso sui social le foto della busta con le tre mascherine ricevute in dono, il messaggio "Dilegua o notte all'alba. Vincerò! Vincerò! Vincerò!" e l'incitamento "Forza Italia! Forza Cina!"

"Ora vorremmo scrivere una lettera per ringraziarli"

"Nel nostro condominio ci sono circa trenta famiglie", ha spiegato Matteo a Fanpage.it, "i nuovi vicini cinesi, genitori, due figli piccoli e nonna, vivono qui da poco e non li abbiamo praticamente mai visti, sono molto silenziosi". Quasi nessun contatto fino a ieri, quando i condomini hanno trovato la sorpresa. "Tutte le cassette della posta nell’atrio avevano questo regalo. Ora con gli altri condomini stiamo pensando di scrivere una lettera per ringraziarli".

Il coronavirus in provincia di Pavia

La provincia di Pavia è stata tra le prime a subire gli effetti della diffusione del coronavirus. Fin dai primi giorni sono stati accertati casi positivi a partire dai comuni confinanti con il Lodigiano. In Lombardia sono oltre 17mila i contagiati e 1959 i deceduti secondo il bollettino del 18 marzo. Nel Pavese sono 978 le persone infettate.

tot. contagiati 105.792
31 marzo 2.107
tot. guariti 15.729
31 marzo 1.109
tot. deceduti 12.428
31 marzo 837