Tra i caduti nella lotta al coronavirus c'è anche il dottor Rosario Vittorio Gentile, 63 anni, medico di base di Pizzighettone nel Cremonese e in passato medico sociale della squadra di calcio locale. Era ricoverato da una settimana dopo aver accusato i sintomi del covid-19. Le sue condizioni sono peggiorate nella giornata di domenica fino al decesso. Molti i messaggi di cordoglio anche online. "Grazie per il tuo impegno e coraggio ci mancherai. Ciao Rosario", è uno dei molti.

Coronavirus, morto medico di base a Pizzighettone

Gentile era molto conosciuto nella cittadina, dove ha lavorato per molti anni dopo la laurea in  Medicina e Chirurgia alll’Università di Pavia, dove si era specializzato poi in Ematologia Clinica e di Laboratorio e in Allergologia. Era tra i membri e fondato del Lions Club locale. Era stato medico sociale della Pergolettese e del Pizzighettone.

Secondo lutto in poche ore per le squadre di calcio cittadine

Per le società di calcio è il secondo lutto in pochi giorni. Poche ore prima era infatti scomparso l’ex presidente di Pizzighettone e Pergolettese, Andrea Micheli, scomparso sabato sera a 37 anni appena compiuti. Da due settimane ricoverato a Milano in terapia intensiva a causa del contagio da Coronavirus. Le sue condizioni si erano aggravate di colpo nella serata di sabato.

L'epidemia in provincia di Cremona

La provincia di Cremona è una delle più colpite fin dai primi giorni dell'emergenza coronavirus, a causa della vicinanza con il focolaio del lodigiano. Gli ospedali di Cremona e Crema sono da oltre un mese sotto pressione. Negli ultimi giorni sono stati allestiti gli ospedali da campo della ong statunitense Samaritan's Pursue e quello della protezione civile dove sono attivi 52 tra medici e infermieri cubani. Gli ultimi dati sono incoraggianti: il bollettino di lunedì 23 marzo mostra un rallentamento, con solo 30 nuovi casi, che portano il totale dei contagiati a 2.925.