A Milano torna il timore per la legionella, la grave infezione alle vie respiratorie dovuta alla presenza di un batterio nelle tubature dell'acqua. Un caso di contaminazione è stato accertato nella rete di distribuzione dell'acqua calda di un complesso di condomini nella zona di Loreto, fra via Palestrina e via Venini. Agli inquilini del supercondominio chiamato "Casa rossa" è stato comunicato dall'amministrazione condominiale che il processo di sanificazione è partito il 6 maggio, con l'utilizzo di "un additivo che entro circa 30 giorni dovrebbe portare la concentrazione del batterio entro i limiti previsti dalla normativa".

La segnalazione all'Ats dopo un caso nell'agosto del 2018

Il campanello d'allarme è scattato alla fine del mese di agosto del 2018, quando un residente di via Palestrina 16 con uno stato di salute fragile ha manifestato i sintomi della legionella. Il malato si è poi ristabilito completamente, ma da questo caso è partita una segnalazione all'Ats che ha poi avviato le verifiche del caso. I campionamenti hanno però richiesto tempi lunghi, a quanto si apprende a causa di problemi con le provette, e per questo i risultati sono arrivati solo tra marzo e aprile. Visto l'esito positivo, con la conferma della presenza del batterio nei tubi dell'acqua calda, è stata avviata la bonifica. L'Ats di Milano ha inoltre distribuito ai residenti di civici 16, 18 e 22 di via Palestrina e del civico 14 di via Venini il vademecum con i comportamenti da adottare per evitare il contagio, che avviene tramite l'inalazione di gocce d'acqua contaminata.

Il contagio di legionella a Bresso nel luglio del 2018

Nel luglio del 2018 a Bresso, nella città metropolitana di Milano, erano stati accertati una cinquantina di casi di legionella. La "malattia del legionario" aveva provocato la morte di tre persone, tutte anziane e già debilitate. Molti altre avevano contratto la malattia ed erano state ricoverate in ospedale. L'Ats aveva condotto analisi su oltre 450 campioni di acqua prelevati in 42 abitazioni e in 38 siti sensibili di Bresso.