Salgono a 48 i casi di legionella che si sono verificati nelle ultime settimane a Bresso, piccolo centro nella provincia di Milano. A comunicarlo, in una nota, è l'Ats Città Metropolitana di Milano, che ha reso noto come le due nuove persone colpite dal batterio della legionella siano state ricoverate negli ospedali Bassini di Cinisello Balsamo e Niguarda del capoluogo lombardo. Ats ha reso noto anche che, nel Laboratorio di Prevenzione, sono in corso di analisi 454 campioni prelevati in 42 abitazioni e in 38 siti sensibili di Bresso, per cercare di identificare da dove proviene l'epidemia e cercare di porvi un freno.

Nelle ultime tre settimane, nel piccolo comune del Milanese, sono morte tre persone che erano state colpite dal batterio: in tutti e tre i casi, però, si trattava di persone anziane e già debilitate. Tutte le altre persone che hanno contratto la malattia o sono state dimesse dall'ospedale oppure sono ancora ricoverate, ma in fase di netto miglioramento. Tra i contagiati c'è anche Maurizio La Loggia, 55 anni, consigliere per Forza Italia al Municipio 9 di Milano: l'uomo è ricoverato in Terapia Intensiva al Policlinico di Milano, ma per fortuna le sue condizioni sarebbero in netto miglioramento.