Uno stabile popolare al Giambellino (Foto Furlan/LaPresse)
in foto: Uno stabile popolare al Giambellino (Foto Furlan/LaPresse)

Prosegue a piccoli passi il lavoro per recuperare le case popolari di Milano che oggi sono sfitte e in condizioni di degrado tali da non poter essere assegnati. Le due aziende che gestiscono l'edilizia residenziale pubblica in città – Aler che fa capo a Regione Lombardia, Mm che gestisce gli stabili del Comune di Milano – hanno avviato da mesi due contatori per aggiornare in tempo reale sullo stato dei lavori di ristrutturazione. Una necessità quanto mai urgente, se si considera che in lista d'attesa per una casa popolare a Milano ci sono più di ventimila famiglie.

Case popolari, Aler: in Lombardia ristrutturati 2709 alloggi

Per quanto riguarda le proprietà di Aler, l'azienda ha aggiornato il contatore con i dati del mese di giugno, annunciando di aver messo a posto 1880 appartamenti a Milano (su un target di 2682) e 2704 in tutta la Lombardia (il 59 per cento dell'obiettivo fissato). L'assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e disabilità Stefano Bolognini, è soddisfatto del risultato:  "Nei primi 6 mesi del 2019 – ha sottolineato – sono siamo passati da 1284 a 2709, una prova del totale impegno della giunta regionale". Bolognini ha ricordato gli oltre 78,4 milioni di euro di investimenti "di cui il contatore è testimonianza". "Nel biennio 2019/2020 porteremo a termine il restante 41 per cento degli interventi per i 4.560 alloggi individuati con il finanziamento", ha assicurato. Aler nella città di Milano possiede oltre 35mila immobili di edilizia residenziale pubblica.

Mm: obiettivo 3 mila unità entro aprile 2021

Per quanto riguarda le case popolari di proprietà del Comune di Milano, nel 2014 l'amministrazione ha affidato la gestione del proprio patrimonio residenziale, circa 28 mila alloggi, a Mm. Anche per gli all0ggi comunali è in corso un programma di riqualificazione con un contatore che permette di verificare i progressi dei lavori: il progetto prevede che entro aprile 2021 vengano ristrutturate 3 mila unità. Al momento il contatore aggiornato segna 952 case già recuperate, altre 2048 ancora in attesa.

Occupate abusivamente 3.243 case Aler e 919 di Mm

Sul piano della liberazione degli immobili occupati abusivamente, nel corso dell'ultimo vertice in Prefettura i dirigenti di Aler e Mm hanno comunicato che si registra una tendenza positiva. Nei primi sei mesi del 2019 si è passati da 4.487 immobili occupati abusivamente, di cui 3.467 di Aler e 1.020 di MM, a 4.162 immobili occupati abusivamente, di cui 3.243 di Aler e 919 di Mm, per un totale di 325 immobili liberati.