(immagine di repertorio)
in foto: (immagine di repertorio)

Violento episodio questa stamattina – lunedì 10 febbraio – a Busto Arsizio, in provincia di Varese, dove un uomo di 83 anni ha ferito alla gola con una coltellata la moglie di 78. L'aggressione è avvenuta poco dopo le 9.30, quando sono arrivate le prime richieste di soccorso. Sul posto si sono precipitati gli operatori sanitari del 118, i carabinieri e i vigili del fuoco di Busto Arsizio. La donna, trovata con una brutta ferita, è stata portata in codice rosso in ospedale.

L'uomo ha colpito la moglie e poi si è costituito

Secondo quanto ricostruito finora sembra che l'83enne abbia prima colpito la moglie e poi si sia recato alla caserma dei carabinieri per confessare l'accaduto. I militari stanno provvedendo ora a trasferire l'uomo, fermato, al commissariato di polizia di Busto Arsizio che ha preso in carico il caso. Come riferito dalle forze dell'ordine a Fanpage.it negli ultimi giorni l'uomo avrebbe fatto registrare momenti di scarsa lucidità, atteggiamenti culminati con l'aggressione di oggi. Sul posto sono usciti anche gli agenti della scientifica per effettuare tutti i rilievi del caso, mentre al momento le condizioni della donna restano gravi.

I due accoltellamenti nel weekend milanese

Due episodi simili sono stati registrati anche durante lo scorso weekend, quello tra l'8 e il 9 febbraio, a Milano, in zona Porta Venezia. Nel capoluogo lombardo in una rissa due uomini sono rimasti feriti. Il primo, un uomo di 47 anni di origini egiziane, ha riportato una ferita da arma bianca dall'orecchio sino alla schiena. Medicato dal 118, è stato trasferito in codice rosso al pronto soccorso. L'aggressore, al contrario, è rimasto vittima della reazione dell'uomo riportando ferite da codice giallo. È un 43enne di origini eritree. Nella stessa zona della città, poi, si sono resi protagonisti di un'altra rissa due ragazzi, di 18 e 19 anni. Il più grande dei due, un marocchino, ha colpito alla testa con dei cocci di bottiglia il 18enne, risultato essere un ragazzo egiziano.