La polizia sul luogo del macabro ritrovamento a Brescia (LaPresse)
in foto: La polizia sul luogo del macabro ritrovamento a Brescia (LaPresse)

Mistero a Brescia: nel primo pomeriggio di oggi, all'interno di una fabbrica dismessa, è stato trovato il cadavere di un uomo, completamente carbonizzato. Il macabro ritrovamento risale alle 14 circa: i vigili del fuoco erano intervenuti in via Eritrea per domare un incendio che era divampato all'interno di uno degli edifici della ex fabbrica Bisider, ex stabilimento metallurgico che da anni versa in una condizione di degrado. Una volta spento il rogo i pompieri hanno scoperto il corpo senza vita di un uomo. Sul posto sono intervenuti a quel punto agenti della squadra mobile di Brescia, diretti da Alfonso Iadevaia, con i colleghi della volante e della scientifica.

La vittima viveva nella fabbrica dismessa

Sono adesso in corso le indagini per cercare di dare un'identità alla vittima. Stando alle ipotesi investigative è quasi certo che la vittima vivesse all'interno della fabbrica abbandonata: potrebbe dunque trattarsi di uno dei clochard che da anni trovano riparo all'interno degli edifici dell'ex stabilimento metallurgico, con molti rischi anche per la loro sicurezza. Già nel settembre del 2017, infatti, alcuni senzatetto erano stati tratti in salvo dai vigili del fuoco dopo che nella fabbrica dismessa si era sviluppato un incendio, causato forse da un fornelletto o da una candela lasciata accesa. In questa circostanza, riferiscono gli investigatori, non è invece ancora stato chiarito cosa abbia provocato il rogo.