5.100 CONDIVISIONI
Coronavirus
10 Giugno 2020
18:39

Bergamo, i familiari delle vittime del Covid: “Non si possono spegnere i riflettori su 33mila morti”

È un giorno importante per i familiari delle vittime del Covid che hanno dato vita nei mesi scorsi al comitato “Noi denunceremo” e che hanno presentato mercoledì mattina in procura a Bergamo le prime 50 denunce per chiedere verità su quanto accaduto ai propri cari. “Vogliamo capire quello che è successo e perché è successo – spiega Stefano Fusco, fondatore insieme a suo padre Luca del gruppo nato su Facebook – ci aspettiamo che questa cosa non venga insabbiata o dimenticata perché non si possono spegnere i riflettori su 33mila morti”.
A cura di Chiara Ammendola
5.100 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

"Oggi siamo qua per dare le nostre storie in mano ha chi ha le competenze per poter giudicare se c'è qualcosa che non torna: vogliamo capire quello che è successo e perché è successo, ci aspettiamo che questa cosa non venga insabbiata o dimenticata perché non si possono spegnere i riflettori su 33mila morti", così Stefano Fusco, fondatore insieme a suo padre Luca del gruppo Facebook "Noi Denunceremo" che riunisce i familiari delle vittime del Covid-19 spiega i motivi della loro presenza all'esterno della Procura a Bergamo.

È un filo conduttore che lega tutte queste storie alla mancata chiusura dell'ospedale di Alzano

Questa mattina sono state infatti consegnate ufficialmente le prime 50 denunce da parte di madri, figli, mogli e nipoti che chiedono venga fatta luce su quanto accaduto ai propri cari. "Siamo stanchi di non avere risposte e sentire rimpallo di responsabilità – continua Stefano – però lo dobbiamo ai nostri morti, nonni, papà, mariti. Non ci fermeremo finché non avremo le risposte che cerchiamo". Sono storie di perdita e di lutto spesso inspiegabili e inconsolabili tutte accomunate dalla necessità di avere delle risposte, di sapere se e cosa sia andato storto durante l'emergenza Coronavirus in Lombardia. "Ho consegnato una chiavetta su cui ho messo le denunce esposte di tutte le persone che sono qua e che chiedono l'intervento dell'autorità giudiziaria per quanto stanno denunciando – spiega Consuelo Locati, avvocato del comitato – in tante denunce si parla della zona rossa, è un filo conduttore, perché i fatti che hanno portato al decesso di tante persone partono tutti ad origine dalla mancata chiusura dell'ospedale di Alzano. Ci sono medici che hanno detto di aver recuperato a loro spese i camici e chiesto donazioni per comprarli".

Mio marito è stato ricoverato in ospedale ed è tornato a casa in un'urna dopo un mese

"Sono qua per far sentire la voce dinanzi all'indifferenza che c'è stata – spiega una donna che abbraccia la foto del marito deceduto a causa del Covid-19 – io mi sono sentita abbandonata dalle istituzioni quando avevo mio marito a letto che stava morendo: dopo cinque giorni a casa in uno stato pietoso è stato ricoverato in ospedale ed è ritornato un mese dopo in un'urna". Un racconto interrotto dall'emozione nel ricordare forse per l'ennesima volta i momenti in cui ha realizzato di aver perso per sempre il marito: "Non ci sono parole. Solo chi prova uno strazio del genere può capire cosa si sente", conclude la donna. "Vogliamo giustizia, vogliamo spere cosa è successo. Mio papà è deceduto all'ospedale di Sondalo – racconta un altro familiare che ha presentato la propria denuncia in Procura a Bergamo – il venerdì sera l'ho sentito bene al telefono, e il sabato mattina invece non ha risposto, il telefono ha squillato a vuoto per ore: non mi sento tutelata da questo governo. Chiediamo giustizia e verità e che chi ha sbagliato deve pagare".

5.100 CONDIVISIONI
25951 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni