Il suo sostegno era dato per scontato, ma era stato messo in dubbio da alcune affermazioni sibilline dopo il primo turno delle amministrative milanesi. Adesso però c'è la certezza: al ballottaggio del prossimo 19 giugno Basilio Rizzo voterà per Beppe Sala. Lo ha detto lo stesso Rizzo, decano del Consiglio comunale di Milano di cui è stato presidente negli ultimi cinque anni, con la giunta Pisapia.

Lo storico esponente di Rifondazione comunista ha scelto Radio popolare per esplicitare la sua scelta: "Non voglio che ritorni a governare il centrodestra nella nostra città. Parisi è il candidato del centrodestra e quindi per me è meglio che governi Sala, al quale sarò comunque all'opposizione, piuttosto che il centrodestra che ho conosciuto e non voglio tornare alla situazione precedente il 2011. Quindi voterò Sala". Al primo turno delle amministrative Rizzo, che si era candidato come sindaco con la lista Milano in Comune, aveva conquistato il 3,5 per cento dei consensi ottenendo meno di 20mila voti.

Il suo personale sostegno a Sala non vuol dire che automaticamente gli elettori che l'hanno scelto al primo turno voteranno per l'ex manager di Expo. Rizzo ha infatti sempre lasciato libertà di scelta ai propri elettori, anche se è probabile che molti lo seguiranno. Lo sa bene anche Sala, che ha commentato soddisfatto l'ennesimo importante endorsement, dopo quello dei Radicali (oltre ai tanti vip che singolarmente hanno manifestato il proprio appoggio): "Sono felice che Basilio Rizzo personalmente voterà per me, c'è un tema di ruoli, so bene che sarà all'opposizione ma c'è un dialogo che non tra noi non è mai mancato". Il manager non ha poi nascosto di aver sempre creduto nell'appoggio di Rizzo: "Ci contavo senz'altro, c'è la voglia e necessità di non tornare indietro. Milano ha ancora tanti problemi e stiamo lavorando per risolverli, ma sono altrettanto convinto che i milanesi devono essere più fieri e più orgogliosi della città oggi".