Dopo che Beppe Sala ha fatto il nome di Linus come possibile assessore della sua giunta (e la storica voce di Radio Deejay ha confermato la sua disponibilità) arriva la risposta del centrodestra. Prima per voce di Matteo Salvini, poi direttamente da Stefano Parisi, che al ballottaggio del prossimo 19 giugno contenderà a mister Expo la poltrona di sindaco di Milano.

"A me Linus piace tantissimo, lo ascolto spesso in radio, certo non sempre gli artisti in passato hanno poi dato un'ottima prova in politica. Se Sala vuole Linus in giunta io invece vorrei chiedere una mano a Enrico Ruggeri, mi piacerebbe veramente che facesse qualcosa per Milano, la sua citta", ha detto Salvini ospite della trasmissione "Orario continuato" di Telelombardia. Il segretario della Lega Nord ha anche ben in mente il possibile ruolo di Ruggeri in una giunta guidata da Parisi: "Chiederei di darci una mano per nuovi progetti sui giovani e sulla musica". In pratica, lo stesso ruolo previsto da Sala per Linus, che in aggiunta, in un'intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica, ha affermato di volersi occupare di sport.

Salvini: "Dalla Bonino mi sarei aspettata qualcosa di più"

Salvini è poi intervenuto anche sull'altro nome fatto da Sala per la sua squadra di governo, quello della leader dei radicali Emma Bonino: "Da parte di Bonino non mi sembra ci sia una grande idea di programma per la città se la sua unica aspirazione è quella di non consegnare la città a Salvini e Grillo. Da lei mi sarei aspettato qualcosa di più", ha concluso il leader del Carroccio.

Parisi: "D'accordo su Ruggeri, Salvini non farà l'assessore"

Il fatto che Salvini abbia parlato di possibili nomi della giunta Parisi risolleva qualche dubbio sull'effettiva autonomia di cui potrebbe godere il manager di Chili Tv qualora dovesse venire eletto sindaco. Una critica a cui più volte Parisi ha cercato di rispondere, fino ad arrivare a dire che Salvini non sarà nell'eventuale giunta del manager candidato per il centrodestra: "No – ha infatti risposto a precisa domanda Parisi nel corso della trasmissione radiofonica Un giorno da pecora –  mi serve un assessore a tempo pieno, e Salvini deve fare il leader di partito. E ho già spiegato che nel non dire chi sono i miei assessori io difendo la mia autonomia. Non vi dico i nomi, voglio evitare di utilizzarli come boutade elettorale".

Parisi ha però apprezzato il nome di Ruggeri, fatto da Salvini: "Concordo con Salvini sulla figura di Enrico Ruggeri, io personalmente lo amo molto. È una persona di una grande intelligenza. Potrebbe darci una mano se lo vorrà per realizzare un progetto che mi sta a cuore ovvero realizzare a Milano la città della musica".