124 CONDIVISIONI
Lombardia, 43 arresti tra politici e imprenditori
7 Maggio 2019
10:50

Arresti in Lombardia: Pietro Tatarella e Fabio Altitonante, i politici di Forza Italia coinvolti

Pietro Tatarella e Fabio Altitonante sono tra i 43 politici e imprenditori arrestati in un’operazione della Dda di Milano e della guardia di finanza. Entrambi ai vertici di Forza Italia in Lombardia, il primo è consigliere comunale e candidato alle europee, considerato una promessa della nuova generazione azzurra. Il secondo ha la delicata delega sul post Expo nella giunta di Attilio Fontana.
A cura di Simone Gorla
124 CONDIVISIONI
Pietro Tatarella e Fabio Altitonante
Pietro Tatarella e Fabio Altitonante
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Lombardia, 43 arresti tra politici e imprenditori

"La mia generazione può fare tanto e sono pronto a dimostrarlo". Giovane eppure da anni protagonista della vita politica milanese, come consigliere di zona prima e a Palazzo Marino poi, Pietro Tatarella, classe 1983, – tra i politici arrestati martedì a Milano per associazione a delinquere – scriveva così nella sua pagina di presentazione sul sito del consiglio comunale. Considerato una promessa della nuova generazione di Forza Italia, quella che chiede con forza il rinnovamento e il ricambio nel partito, Tatarella è tra i candidati azzurri alle elezioni europee. Dopo essere stato per cinque anni consigliere di zona 7, nel 2011 è arrivato in consiglio comunale e si è fatto notare per i duri interventi contro la giunta di Giuliano Pisapia. Nel presentarsi agli elettori, spiegava di provenire da "una famiglia semplice: papà falegname e mamma casalinga che mi hanno insegnato rispetto, onestà e umiltà, tutti i valori di cui vado fiero e sui quali ho pesato ogni singola decisione presa nella mia vita. Sono cresciuto a Baggio quartiere periferico dove la vicinanza della gente e clima familiare non mancano mai".

La carriera politica di Fabio Altitonante

Protagonista della vita politica regionale è anche Fabio Altitonante, 44 anni, a sua volta arrestato nell'ambito nell'indagine della Direzione distrettuale antimafia di Milano. Sottosegretario con delega alla Rigenerazione e Sviluppo area Expo nella giunta di Attilio Fontana in quota Forza Italia, Altitonante ha una lunga esperienza da amministratore. Dopo essere stato consigliere comunale a Milano, è passato alla Provincia come assessore al Territorio, Infrastrutture, Casa e Acqua pubblica . Nel 2013 lo sbarco al Pirellone come consigliere regionale di Forza Italia e componente delle Commissioni Territorio e Infrastrutture, Sanità e Politiche sociale e Ambiente e protezione civile. Sono anni in cui Altitonante ricopre incarichi delicati, come quello nel consiglio di sorveglianza della partecipata Infrastrutture Lombarde, e si occupa di dossier impegnativi come quello sulla gestione delle case popolari e la riforma della sanità regionale. Nel 2015 Berlusconi lo sceglie come coordinatore milanese del partito, e tre anni più tardi il governatore leghista Fontana lo premia con la delicata delega che tocca il futuro dell'area di Expo.

124 CONDIVISIONI
Inchiesta Mensa dei poveri, oltre 60 a processo: tra loro Lara Comi, Tatarella e Altitonante
Inchiesta Mensa dei poveri, oltre 60 a processo: tra loro Lara Comi, Tatarella e Altitonante
Inchiesta mensa dei poveri: chiesto processo per Lara Comi, deputato Sozzani e sindaco di Gallarate
Inchiesta mensa dei poveri: chiesto processo per Lara Comi, deputato Sozzani e sindaco di Gallarate
Lo strano caso di Altitonante, consigliere lombardo indagato eletto sindaco in provincia di Teramo
Lo strano caso di Altitonante, consigliere lombardo indagato eletto sindaco in provincia di Teramo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni