Minuti di tensione questa mattina nei cieli di Lombardia e Veneto. Un caccia Eurofighter dell'Aeronautica militare ha intercettato questa mattina un aereo di linea della Lauda Air che aveva perso i contatti radio la torre di controllo e lo ha scortato fino ai confini dello spazio aereo nazionale. L'allarme è scattato attorno alle 10 di venerdì 14 giugno. Il velivolo militare – schierato nella base del 51esimo stormo di Istrana, in provincia di Treviso ma appartenente al 36esimo stormo di Gioia del Colle – si trovava già in aria per un volo di addestramento.

Il caccia ha scortato l'aereo di linea fino ai confini dello spazio aereo

L'ordine di intercettare il volo della Lauda Air è arrivato dal Centro Nato responsabile della sorveglianza aerea della zona, il Caoc di Torrejon in Spagna, in coordinamento con il Comando operazioni aeree di Poggio Renatico. In pochi minuti l'Eurofighter ha raggiunto l'aereo e lo ha identificato a vista tramite VId (Visual Identification). Dopo aver verificato che non ci fosse alcuna emergenza a bordo, il caccia ha "accompagnato" il volo di linea fino ai confini dello spazio aereo nazionale e poi è tornato alla base.

Due settimane fa intercettato un volo diretto a Linate

Solo due settimane fa, il 31 maggio, un caccia dell'Aeronautica militare era dovuto intervenire per un caso analogo. Il caccia F-2000 Eurofighter si era alzato in volo per intercettare un volo civile privato, decollato da Ibiza e diretto all’aeroporto di Linate, che aveva smesso di rispondere alle chiamate radio. Anche in quel caso il velivolo militare aveva affiancato l'altro aereo e, una volta assicurato che l'equipaggio avesse ripristinato i regolari contatti con gli enti del traffico aereo, aveva fatto ritorno alla base aerea di Treviso.