Gli investigatori della polizia sono sulle tracce dell'uomo che questa notte a Milano ha ferito a colpi di coltello il suo coinquilino, un cittadino polacco di 34 anni. La vittima, colpita più volta all'addome, è stata ricoverata in codice giallo all'ospedale San Carlo. L'intervento dei poliziotti è scattato questa notte, intorno a mezzanotte e mezza, in via Primaticcio in seguito alla segnalazione di una persona ferita. L'autore dell'aggressione sarebbe il coinquilino della vittima, che lo avrebbe colpito con un coltello di piccole dimensioni. Gli agenti cercano ora di rintracciare l'aggressore.

Trentenne ucciso in casa in viale Monza: forse accoltellato nel sonno

Due giorni fa in viale Monza un cittadino egiziano di 30 anni, Milad Gerges, è stato ucciso a colpi di coltello e trovato in un lago si sangue sul ballatoio di casa. Per l'omicidio è stato fermato il 47enne Attia Henns, suo connazionale, che abitava nella stessa casa. Secondo gli inquirenti avrebbe sorpreso la vittima mentre dormiva, nella notte tra il 5 e il 6 agosto, e l'avrebbe uccisa con tre coltellate. Dai primi risultati dell'autopsia sul corpo del 30enne, infatti, non sono emersi segni di colluttazione. La ricostruzione del medico legale, fornita al pubblico ministero Francesco Ciardi, è che Gerges sia morto dissanguato dopo che un fendente sul lato sinistro del collo gli ha reciso la vena giugulare. La vittima aveva altre due ferite sul lato destro del collo e sulla spalla destra.

Gli agenti della Squadra mobile, intervenuti sul posto insieme alla polizia scientifica, avevano subito portato in Questura quattro persone, presenti nell'appartamento la notte della tragedia. L'arma del delitto è stata trovata sul posto. Un vicino ha raccontato agli investigatori di aver sentito un urlo e visto la vittima uscire sul ballatoio, coperta di sangue, inseguita dal coinquilino con il coltello in pugno.