Erano arrivati a Milano dalla Spagna, convinti di poter imbrattare con le loro bombolette i mezzi pubblici del capoluogo lombardo e di farla franca, tornandosene in patria. Ma per undici giovani writer spagnoli è andata diversamente: i ragazzi sono stati identificati proprio "a casa loro" grazie a un'operazione della polizia locale di Milano, denominata "Operazione Milano". Le indagini sono partite dopo una serie di denunce nei confronti dei writer, che erano stati sorpresi a imbrattare vagoni di metro e altri mezzi pubblici in città. In totale sono quattro i raid compiuti dai ragazzi a Milano tra il 2017 e il 2018: i danni provocati – per le necessarie operazioni di pulizia e gli stop forzati dei mezzi vandalizzati – ammonterebbero a decine di migliaia di euro. L'Operazione Milano è il secondo intervento internazionale compiuto dagli agenti del Nucleo tutela decoro urbano all'estero. Nel corso dell'intervento degli agenti dell'unità speciale della polizia locale milanese sono state effettuate nella abitazioni dei writer in Spagna anche delle perquisizioni, alla ricerca di elementi utili alle indagini.