foto di repertorio
in foto: foto di repertorio

Una donna è morta per arresto cardiaco all'ospedale di Vimercate e poche ore più tardi un'altra signora è deceduta al pronto soccorso della stessa struttura dopo essere arrivata in ambulanza in condizioni disperata. I parenti di entrambe le pazienti hanno autorizzato la donazioni degli organi. I due interventi, il primo eseguito venerdì notte e il secondo sabato notte, hanno consentito di prelevare un cuore, due fegati, quattro reni e quattro cornee dai corpi delle due donne. Gli organi sono stati poi inviati all'ospedale Niguarda e al San Raffaele di Milano, all'ospedale di Bergamo e di Genova. Hanno salvato la vita a undici pazienti in attesa di donazione.

Gli interventi sono stati eseguiti da una equipe di chirurgi, cardiologi, urologi, radiologi, oculisti e anestesisti coordinati dalla dottoressa Simona Magni. "Ringrazio tutto il personale per l’impegno profuso nell’affrontare, in un week end, queste due complesse emergenze. Ancora una volta sono state dimostrate le competenze e le professionalità di cui dispone l’ospedale di Vimercate", ha commentato il direttore generale dell'ospedale di Vimercate Nunzio Del Sorbo.