(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Un ragazzo di 18 anni è stato rapinato e aggredito a bordo del treno che collega la stazione di Milano – Porta Venezia a Treviglio. Nella notte di sabato 2 novembre, il giovane si è visto strappare dalle mani il suo smartphone da tre malviventi che sono poi scesi come lui alla stazione di Vignate, in provincia di Milano. Dopo la reazione del 18enne, i rapinatori hanno cominciato a minacciarlo e a picchiarlo, spaventandolo e seguendolo fino a casa. I genitori della vittima, dopo aver appreso la notizia, hanno deciso di denunciare l'accaduto alle forze dell'ordine, richiedendo l'intervento dei carabinieri della compagnia di Cassano d'Adda.

L'arresto e le condizioni del ragazzo

I militari si sono messi immediatamente sulle tracce dei tre rapinatori in seguito alla segnalazione dei genitori del ragazzo. Dopo qualche ora di ricerca li hanno individuati nei pressi della stazione di Vignate, dove sono riusciti ad arrestare due di loro: un 30enne originario delle Seychelles e un 33enne senegalese. Il terzo è riuscito invece a scappare con lo smartphone rubato. Il ragazzo, che dopo l'aggressione è stato accompagnato in ospedale per gli accertamenti del caso, è stato dimesso con quattro giorni di prognosi a causa di diverse contusioni riportate in seguito alle botte e alle violenze subite. I due uomini arrestati si trovano in questo momento in stato di detenzione nel carcere di San Vittore a Milano, dove sono in attesa del processo per quanto accaduto alla stazione di Vignate. Proseguono invece le ricerche nei confronti del terzo rapinatore, attualmente ancora a piede libero.