Dopo circa dieci giorni sono finiti i lavori stradali in piazza Firenze, a Milano. Si tratta di uno snodo cruciale per quanto riguarda tutta l'area nord-ovest di Milano: dalla Fiera, alla zona Gallaratese e Sempione. Ne sanno qualcosa anche tutti gli automobilisti milanese che a partire da domenica 1 settembre, data in cui sono iniziati i lavori, si sono trovati alle prese con ingorghi e un traffico fuori dal comune, anche per una città come Milano. Il cantiere si è però chiuso ieri, nei tempi stimati dal Comune di Milano: e così la viabilità di uno snodo di traffico strategico della città è stata ripristinata giusto in tempo per la riapertura delle scuole, prevista per il 12 settembre.

Il cantiere lampo era stato aperto il primo settembre

Soddisfatto l'assessore alla Mobilità e ai lavori pubblici Marco Granelli: "Abbiamo riqualificato uno snodo di traffico strategico per la città – ha commentato Granelli in una nota – un lavoro necessario che presentava il problema del contenimento dei tempi per non creare troppi disagi. Ci siamo riusciti organizzando bene il lavoro. Ringrazio Atm e tutti coloro che hanno operato sul cantiere". I lavori, che sono stati eseguiti da Atm e hanno interessato l'area tra piazzale Accursio e piazza Firenze, si erano resi necessari per sostituire i binari del tram, ormai consumati. In totale sono stati sostituiti 54 metri di binari che consentiranno di migliorare la circolazione dei tram che percorrono viale Certosa e di diminuire il rumore da sferragliamento, soprattutto quando le vetture affrontano i tratti in curva. Si è proceduto anche al rifacimento dell'asfalto, in maniera da rendere più sicura e agevole anche la circolazione di auto, moto e bici.