Un tentato acquisto, incauto, di champagne è costato molto caro a Lele Mora, il noto personaggio televisivo ed ex agente dello spettacolo italiano. Mora infatti è stato "rapinato" di tutti i soldi che aveva con lui, ben quarantamila euro, anche se in realtà i soldi non erano suoi. E successivamente poi lo stesso Mora è stato minacciato da chi gli aveva prestito i soldi per la trattativa, che voleva indietro la somma.

L'episodio a maggio dello scorso anno a Milano

La vicenda, ricostruita dal "Corriere della Sera", ha quasi dell'incredibile e su di essa sta indagando ora la Procura di Milano. Stando a quanto riportato dal quotidiano meneghino, Lele Mora sarebbe andato (in un pomeriggio di fine maggio scorso), in un campo rom di Milano, in via della Chiesa Rossa, con l'intenzione di acquistare una partita di champagne di alta qualità, per poterla poi rivendere a guadagnare una decina d'euro per ogni bottiglia. Con lui, anche un pluri-pregiudicato per rapina, porto d’armi, ricettazione e spaccio. I due hanno con loro circa quarantamila euro. Ma al momento dell'affare, gli viene sottratto il borsello dalle mani, e i due vengono poi sbattuti fuori dal campo rom stesso: una vera e propria "trappola". Ma non è finita qui, perché chi aveva anticipato i soldi a Lele Mora per compiere "l'affare", inizia a minacciarlo a sua volta. Vuole indietro i suoi soldi, tanto che alla fine Mora deve farseli prestare dal figlio e pagare.

La Procura sta indagando ora su entrambe le vicende, sulle quali si spera possa esserci chiarezza in tempi brevi: Mora, come confermato anche a Fanpage, risulta persona informata sui fatti per quanto riguarda la rapina (dal momento che i soldi non erano suoi) mentre figurerebbe come vittima nell'inchiesta per estorsione. Da capire anche perché la vicenda, del maggio 2018, sia venuta fuori proprio adesso, a diversi mesi di distanza.