Una delle foto presenti nel volume "Ultima Edizione – Storie nere degli archivi de La Notte"
in foto: Una delle foto presenti nel volume "Ultima Edizione – Storie nere degli archivi de La Notte"

Un viaggio nella Milano più buia, quella dei casi di cronaca nera che per anni hanno riempito le pagine del quotidiano milanese "La Notte" che dal 1952 al 1995 ha raccontato la città attraverso foto e racconti. Ora quelle immagini tornano ad essere protagoniste grazie a "Ultima Edizione – Storie nere degli archivi de La Notte", progetto editoriale nato dalla collaborazione tra Salvatore Garzillo, cronista di nera dell'Ansa, Alan Maglio, artista e fotografo, e Luca Matarazzo, fotoreporter e artista che hanno scelto di raccogliere in un libro alcuni degli scatti più significativi di quei lunghi anni di cronaca.

La cronaca che rivive nelle immagini

Un volume nato grazie a un lavoro di ricerca sull'archivio fotografico del quotidiano "La Notte", dal quale sono state estrapolate solo alcune foto per raccontare i casi di cronaca di Milano, dai più noti a quelli meno conosciuti. Al centro ci sono sempre loro, le immagini che più delle parole hanno saputo raccontare le storie della città con scatti spesso forti e invadenti. Erano gli anni in cui il racconto della cronaca era dilatato nel tempo e la velocità di oggi lasciava spazio alla sfrontatezza che permetteva così di testimoniare i fatti: volti, corpi, luoghi. La cronaca viveva nelle immagini. "I cronisti prima potevano entrare fisicamente sulla scena del crimine, erano dentro le storie e, a volte, con i piedi nella Storia. Ora è quasi fantascienza – racconta Salvatore Garzillo – c'è però un elemento che unisce il tempo: la curiosità. Era il loro ed è il mio motore ogni volta che c'è un caso da seguire. Senza la curiosità, e un bel po' di tenacia, queste foto e il nostro libro non esisterebbero".

Più di 13mila negativi visionati

Circa 13mila i negativi visionati appartenenti alla sezione "Delitti", poi scelti e suddivisi a loro volta in diverse categorie, così come erano soliti fare i fotografi del quotidiano La Notte: "Aggressioni e ferimenti", "Rapine", "Prostituzione", "Droga", "Incidenti", "Reati Vari", archiviati in piccole buste di carta, sulle quali sono dattiloscritti il titolo del fatto di cronaca, la data e il luogo, oltre ai nomi dei protagonisti. "Quando ci siamo trovati di fronte a questa montagna di negativi sconosciuti abbiamo avuto un mancamento. Per oltre un anno è stato come la notte di Natale: ogni busta nascondeva una sorpresa, un volto, una storia, un pezzo della città ormai dimenticato – raccontano gli autori – degli oltre 13mila negativi, abbiamo fatto scansioni in altissima definizione di oltre 1.700 per poi sceglierne 200. Immaginate la fatica di dover rinunciare a foto che ci hanno accompagnato per tre anni".

Il libro edito da Edizioni Milieu, sarà presentato al pubblico giovedì 7 novembre 2019 alle ore 18 alla Libreria Hoepli di via Hoepli, un secondo appuntamento è previsto invece nell'ambito della manifestazione Book City il 15 novembre alle ore 18.30 all'Arci Bellezza di via Bellezza.