foto di repertorio
in foto: foto di repertorio

"Ti sfregio con l'acido, lo uso su di te e tua figlia, ti spezzo le gambe… ti metto la droga in casa così ti tolgono tua figlia". Sono solo alcune delle minacce che ogni giorno un uomo di 44 anni rivolgeva all'ex compagna. Dovrà rispondere delle accuse di lesioni, maltrattementi e stalking. La vittima si è rivolta a settembre agli agenti del commissariato Comasina a Milano e due giorni fa il gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare per il responsabile.

Stando a quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, i due si erano conosciuti qualche mese fa e si erano fidanzati. Nel corso della relazione il 44enne ha cominciato a manifestare atteggiamenti violenti e ambigui nei confronti della donna. In particolare le avrebbe chiesto di nascondere la sua droga e avrebbe cercato di coinvolgerla nello spaccio. Già in passato è stato condannato per episodi di violenza nei confronti della ex moglie e quest'ultima avrebbe chiamato per tre volte la polizia, ma l'uomo è sempre riuscito a scappare prima dell'arrivo degli agenti.

Arrestato velocemente grazie alla nuova legge sul ‘Codice Rosso'

"Gli elementi raccolti e l'escalation di violenza documentata ha convinto il gip a emettere un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari", ha spiegato Antonio D'Urso, dirigente del commissariato Comasina. La legge sul Codice Rosso, varata in estate per tutelare le vittime di violenza domestica e di genere, ha aiutato ad accelerare i tempi in merito all'emissione della misura cautelare. La legge, infatti, consente proprio di velocizzare le indagini e i procedimenti giudiziari in casi come questo.