Un'esposizione di alta gioielleria allestita nelle sale dell’appartamento dei principi e nelle sale degli arazzi di Palazzo Reale a Milano. Si tratta della mostra "Van Cleef & Arpels: il Tempo, la Natura, l’Amore", che sarà aperta al pubblico, con ingresso libero, a partire dalla giornata di sabato 30 novembre. La rassegna, organizzata per la prima volta in Italia grazie alla collaborazione tra il Comune e la Fondazione Cologni, permetterà ai visitatori di ammirare oltre 400 gioielli, orologi e oggetti preziosi realizzati a partire dal 1906 dalla prestigiosa maison di alta gioielleria francese.

Le sezioni della mostra

Le sale di Palazzo Reale saranno divise in tre differenti sezioni in occasione dell'esposizione. Le sezioni prenderanno spunto dai tre tempi portanti presenti anche nel titolo della mostra: il tempo, la natura e l'amore. La prima sezione è dedicata al tempo e sin snoda in dieci sale: la prima è consacrata a Parigi, seguono l’erotismo e i cinque valori che Italo Calvino espone nella sua opera "Lezioni Americane. Sei proposte per il prossimo millennio": Leggerezza, Rapidità, Visibilità, Esattezza, Molteplicità. Le ultime sale della sezione pongono invece l’accento sulle intersezioni con altre discipline quali la danza, la moda e l’architettura. La parte centrale della rassegna sarà occupata dalla sezione dell'amore presenta creazioni – testimonianze e pegni d’amore – che sono stati l’espressione della forza dei sentimenti e che hanno accompagnato alcune grandi passioni del XX secolo ormai entrate nel mito.

I protagonisti

La mostra a Palazzo Reale è stata resa possibile grazie all'impegno della curatrice Alba Cappellieri, professoressa ordinaria di Design del gioiello e dell’accessorio al Politecnico di Milano e direttrice del Museo del gioiello di Vicenza."Il gioiello è sempre in bilico tra eternità ed effimero – ha commentato la curatrice in merito all'esposizione – tradizione e moda, amore e investimento, bellezza e concetto e il rapporto con il tempo è controverso mentre qui vogliamo dimostrare la capacità della Maison francese di rappresentare pienamente sia il tempo frammentato del XX secolo che la capacità di incarnare gli eterni valori della bellezza e, allo stesso tempo, il potere effimero della seduzione.” La scenografia invece, che come la mostra si articola intorno ai tre concetti di tempo, natura e amore, è stata invece realizzata dalla designer americana Johanna Grawunder.

Orari di apertura

Lunedì 14.30-19.30. Martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30-19.30. Giovedì e sabato 9.30-22.30.