Chiusa in casa per due giorni, segregata all'interno di un'abitazione a Corsico dall'ex fidanzato che le impediva di uscire. Violentata e picchiata ripetutamente per 48 ore. Vittima una giovane di nazionalità peruviana, che è riuscita a uscire dall'incubo grazie alla sua forza di volontà: consapevole di rischiare la vita, ha scritto un biglietto d'aiuto e, in un momento di distrazione del suo aguzzino, lo ha lanciato dalla finestra.

Il foglio è finito fortunatamente nelle mani di alcuni passanti che, preoccupati e prendendo sul serio il messaggio di aiuto, hanno immediatamente informato i carabinieri. I militari sono così arrivati a bussare alla porta dell'uomo dopo brevi indagini e l'hanno liberata. Finito in manette l'ex compagno della giovane donna, anche lui peruviano e poco più che ventenne, che ora dovrà rispondere delle accuse di violenze sessuale, sequestro di persone e maltrattamenti.