Dj Fabio XB Carrara (da Facebook)
in foto: Dj Fabio XB Carrara (da Facebook)

Sulla sua pagina Facebook restano le foto che lo ritraggono nelle discoteche, davanti al mixer e negli studi di registrazione o sulle locandine che promuovevano le sue serate. Ma il ricordo di Fabio Carrara, in arte dj Fabio XB, resterà impresso nelle tante persone che lo hanno conosciuto sia per la sua musica, richiesta in tutto il mondo, sia per le sue qualità umane. Il 44enne dj, originario di Selvino, in provincia di Bergamo, è morto lo scorso sabato 16 novembre all'età di 44 anni: da cinque anni lottava contro la leucemia, male che alla fine, nonostante le cure all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e una terapia sperimentale all'ospedale San Gerardo di Monza, ha avuto la meglio.

Dj Fabio XB aveva iniziato a suonare nel 1995

Proprio la malattia aveva determinato un grande cambiamento nella vita di dj Fabio XB: lui stesso lo aveva raccontato su Facebook, dove aveva deciso di raccontare la sua esperienza e la sua battaglia. I suoi tanti ammiratori avevano così scoperto un lato inedito di quel dj che li faceva ballare sui dancefloor di tutta Italia e non solo al ritmo dei suoi brani: musica elettronica, soprattutto di genere techno e trance, particolarmente apprezzata all'estero. Fabio Carrara aveva iniziato la sua carriera di disc jokey nel 1995: aveva suonato in locali olandesi, inglesi, tedeschi. Poi la malattia, che lo aveva costretto a cure anche debilitanti.

Dopo la notizia della sua morte in tanti hanno voluto lasciare un messaggio sulla sua pagina Facebook: "Voglio pensare che ora tu possa comporre le tue melodie lontano dal dolore che ti ha afflitto ma sempre più vicino ai nostri cuori", ha scritto uno dei suoi amici. Grande il cordoglio anche a Selvino, piccolo paese bergamasco dove naturalmente Fabio XB era molto conosciuto: proprio nella chiesa parrocchiale del paese, martedì 19 novembre, si terranno i funerali del 44enne.