"Ma buttalo in mare": questo il commento di un uomo di Milano apparso su Facebook sotto la foto di una bambina del Camerun sbarcata a Taranto dalla nave della Ong Ocean Viking. L'autore del commento disumano sul suo profilo Facebook millanta di fare parte del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, quando in realtà non è così. È stato lo stesso Comando provinciale di Milano a voler prendere decisamente le distanze dalla dichiarazione dell'uomo, pubblicando lo screenshot che sta diventando virale sui social ed esternando tutta la loro indignazione attraverso un post, apparso sulla loro pagina Facebook ufficiale nella giornata di ieri, giovedì 17 ottobre.

I social esprimono vicinanza ai vigili del fuoco

Molti utenti di Facebook si sono scagliati contro il falso vigile del fuoco, facendo giungere molte segnalazioni al comando provinciale: "Stanno arrivando un sacco si messaggi riguardanti un presunto Vvf che ha denigrato un bambino di colore. Non è un vigile del fuoco – ha scritto il comando provinciale – Sul suo profilo uno può scrivere qualsiasi cosa. Siamo indignati quanto voi, ma ripeto non è un vigile del fuoco". Sul profilo dell'uomo e sulla pagina del comando provinciale dei vigili del fuoco di Milano sono piovute le critiche per il commento ingiustificabile. In tanti esprimono anche solidarietà verso il corpo dei pompieri: sotto il post Facebook si leggono più di cento commenti che indicano vicinanza e affetto nei confronti dei vigili del fuoco." Non è possibile che un vigile del fuoco si atteggi ad un comportamento simile: grazie per la precisazione", si legge in uno dei commenti o ancora: "Ah ecco, mi sembrava impossibile che un vigile del fuoco potesse aver scritto una cosa del genere, siete meravigliosi".