Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Adescava le vittime in chat utilizzando falsi profili femminili poi dopo essere riuscito a guadagnarne la fiducia fissava con loro un incontro, al quale si presentava travestito da donna: per questo un 48enne italiano è arrestato con l'accusato di violenza sessuale su minore e detenzione di materiale pornografico, con minori. Secondo quanto emerso dalle indagini avrebbe abusato di almeno quattro minorenni in diverse occasioni. Una storia che giunge da Saronno, comune in provincia di Varese, e che ha dei contorni unici nel suo genere visto che si tratta del primo arresto di questo tipo, dove all'indagato è contestata l'ipotesi di violenza sessuale aggravata dal fatto di aver tratto in inganno la vittima fingendosi un'altra persona.

Le vittime di età compresa tra i 15 e i 17 anni

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della compagnia di Saronno che hanno eseguito l'arresto questa mattina in esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari di Milano, l'uomo, un operaio 48enne con precedenti di polizia per molestie, avrebbe adescato e poi abusato di almeno quattro ragazzi di età compresa tra i 15 e i 17 anni. A far scattare le indagini dei carabinieri un loro intervento lo scorso agosto per una lite avvenuta proprio presso l'abitazione del 48enne: in quell'occasione i militari si trovarono a raccogliere la testimonianza di un secondo uomo che era andato a casa dell'indagato per farsi giustizia da sé dopo aver scoperto che il figlio minorenne era stato adescato proprio dall'uomo.

Li accoglieva con parrucca rossa sull'uscio di casa

A questo punto i carabinieri dopo un'approfondita e attenta indagine hanno fatto emergere la verità. L'operaio infatti dal 2016 al 2018 aveva già adescato altri 3 minori, utilizzando il medesimo modus operandi. Prima contattava le sue vittime su Facebook, tutti ragazzi tra i 15 e i 17 anni, su Facebook utilizzando un falso profilo femminile, poi chiedeva che che i minori gli inviassero foto intime e infine prometteva loro in cambio una prestazione sessuale. L'incontro avveniva nel suo appartamento dove l'uomo accoglieva le sue vittime rimanendo sull’uscio di casa al buio e indossando una parrucca di colore rosso e parlando in falsetto per sembrare una donna. Dopodiché praticava loro un rapporto orale. La vicenda si è conclusa quest'oggi con l'arresto dell'uomo.