Lo hanno lasciato a terra, steso, con le mani e i piedi legati e la bocca imbavagliata, dopo aver derubato il suo ristorante dell'incasso della giornata. È accaduto a Rezzato, nel Bresciano, dove, nella notte tra sabato e domenica scorsi, il 39enne Nagib Hani è stato vittima di una rapina, fortunatamente senza conseguenze fisiche gravi. L'uomo si trovava all'interno del suo ristorante, "Dalla padella alla brace" di via IV Novembre, quando intorno all'una tre malviventi sono entrati nel suo locale, attraverso un cortile interno poco visibile su cui affaccia una seconda uscita: i ladri, tutti a volto scoperto, sotto la minaccia di diverse armi hanno obbligato Nagib a consegnare loro l'incasso. Una volta presi i soldi, circa 1000 euro, i tre hanno immobilizzato il 39enne, affinché non allertasse il 112, e sono fuggiti. L'uomo è stato ritrovato il giorno dopo ancora imbavagliato dalla moglie allarmata dal fatto di non aver trovato il marito a letto una volta svegliatasi. Immediato l'intervento dei carabinieri e del personale sanitario che hanno soccorso l'uomo e lo hanno trasportato in ospedale. Il ristoratore, in evidente stato di shock, ha riportato diverse contusioni. Mentre i militari sono sulle tracce dei tre malviventi che stando a quanto riferito dalla vittima, sarebbero stranieri, presumibilmente dell'Est Europa.