Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

La loro storia era finita a maggio di quest'anno ma l'uomo non si era rassegnato alla fine di quell'amore e per questo per oltre cinque mesi ha continuato a contattare il proprio ex compagno in maniera ossessiva, arrivando a telefonargli anche 127 volte in un giorno. Ieri le forze dell'ordine hanno messo fine alla storia arrestando il 31enne con l'accusa di stalking. Tutto è iniziato quando la vittima, un 43enne residente a Milano, ha denunciato alle forze dell'ordine il comportamento ossessivo del proprio ex fidanzato: l'uomo ha raccontato che il 31enne nonostante la fine della storia aveva dato il via a una serie di pedinamenti, telefonate e appostamenti sotto. Azioni che duravano da diversi mesi.

Inoltre alle forze dell'ordine il 43enne ha raccontato che l'ex compagno era stato violento anche durante la loro relazione e che così a maggio del 2019 aveva deciso di lasciarlo e denunciarlo. Evidentemente la cosa non solo non ha scoraggiato il 31enne ma anzi lo ha spinto a continuare nelle sue azioni. Così dopo mesi il 31enne è stato arrestato i primi giorni di ottobre. Dopo due giorni è tornato in libertà e ha iniziato nuovamente ad essere ossessivo nei confronti dell'ex compagno. Il 6 ottobre scorso il 43enne si è rivolto nuovamente alla polizia che però giunta in casa del 31enne non ha trovato nessuno: solo ieri pomeriggio durante un controllo in strada hanno potuto individuare e bloccare l'aggressore.