Si fingeva un'altra persona per riuscire ad abbordare le ragazze tramite i social network, in particolare sul sito web di incontri Badoo, ma è stato smascherato e condannato con l'accusa di sostituzione di persona. La vicenda, riportata dal quotidiano "La Provincia Pavese", si riferisce a fatti avvenuti nel 2016. Protagonista in negativo di questa storia un 22enne che aveva rubato la foto profilo di un altro ragazzo, palestrato e tatuato, per aumentare le sue possibilità di successo con le donne conosciute su internet. Uno stratagemma che è stato scoperto da una ragazza che in precedenza aveva già visto la stessa foto accostata a un altro nome, su un altro social network. La ragazza si è quindi insospettita e ha deciso di andare in fondo alla questione, coinvolgendo anche la vittima di questo scambio di identità online, un uomo di 35 anni che non appena è stato messo a conoscenza dei fatti ha deciso di querelare il ragazzo.

La condanna e  i lavori socialmente utili

In seguito alla querela, il 22enne ha subìto una condanna a un mese di reclusione, che è poi stata convertita in 2500 euro di multa. Il ragazzo ha avuto la possibilità di estinguere il reato con un periodo di messa alla prova presso il Comune di Gudo Visconti, dove ha svolto lavori socialmente utili per un totale di sessanta ore dal 22 luglio al 9 novembre 2019. In questo periodo di tempo è stato impiegato come "stradino", scontando così la sua pena per aver finto di essere chi non era. Una storia che serve da monito a tutti coloro che sul web si creano delle identità fittizie, spacciandosi per altre persone.