Un uomo di 39 anni è finito in manette a Pavia per aver minacciato i passanti con un coltello a serramanico e aggredito i poliziotti intervenuti per fermarlo. È successo nella serata di ieri attorno alle 19 quando alla sala operativa della polizia è arrivata una segnalazione perché l'uomo, un italiano pluripregiudicato, in stato di alterazione stava puntando le armi contro le persone incontrate per strada.

Minaccia i passanti con due coltelli: arrestato

Due equipaggi della polizia sono arrivati sul posto e hanno individuato l'aggressore che, alla vista dei poliziotti, è diventato ancor più violento e ha iniziato a minacciarli di morte, puntando un coltello contro di loro. Gli agenti hanno estratto le armi e gli hanno intimato di fermarsi ma l'uomo, nonostante gli avvertimenti, li ha attaccati.

Aggrediti i poliziotti intervenuti sul posto

I poliziotti sono riusciti alla fine a bloccarlo e costringerlo a gettare i coltelli, ma uno di loro, a seguito della colluttazione, ha riportato ferite lievi, giudicate guaribili in due giorni. In seguito alla perquisizione, il 39enne è stato trovato in possesso di un secondo coltello di 20 cm, nascosto nella tasca sinistra dei pantaloni.

Condannato a un anno e dieci mesi di carcere

Il 39enne è stato arrestato per resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale e per porto abusivo di armi. L'arresto è stato convalidato e oggi l'aggressore – che ha precedenti per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale – è stato condannato a un anno e dieci mesi che dovrà scontare in carcere.