Per gli abitanti dei centri montani dell'Oltrepo Pavese i responsabili sono loro, i lupi, che da settimane si rendono protagonisti di continui attacchi alle mandrie di mucche, ai greggi di pecore ma anche ai cani. L'ultimo si sarebbe verificato lunedì all'alba a Scaparina, vicino a Brallo di Pregola, quando una famiglia ha trovato il proprio cane Bric sbranato nel cortile di casa. Per il proprietario non ci sono dubbi, a uccidere l'animale sarebbe stato un branco di lupi, lo stesso che è stato avvistato sempre più spesso negli ultimi giorni dagli abitanti della zona. "Sono loro, li abbiamo visti qualche giorno prima aggirarsi per i boschi qui sopra – racconta il proprietario del cane ucciso – era un branco e ha attaccato il nostro cane. O le istituzioni intervengono o la gente potrebbe anche difendersi da sé".

Gli avvistamenti sono sempre più frequenti e sempre più vicino alle case

I carabinieri giunti immediatamente sul posto insieme con gli uomini della Forestale hanno raccolto le testimonianze dei residenti della zona che hanno denunciato la presenza dei lupi da ormai un po' di tempo. Stando a quanto raccontato si tratterebbe di circa 50 lupi, divisi in branchi di quattro o cinque, mappati grazie alle fototrappole a infrarossi dall’Università di Pavia. "Gli avvistamenti sono sempre più frequenti e sempre più vicino alle case", la denuncia. Secondo i residenti infatti i lupi sarebbero pericolosi anche per le persone visto che spesso sono stati questi ultimi a sventare gli assalti nei pollai e nelle stalle, attacchi a volte però andati a segno, come nel caso del cane Bric. Ora i cittadini della zona vogliono un intervento immediato da parte della Regione. Le incursioni dei lupi sono ormai fuori controllo.