Paura questa notte a Milano. Ignoti hanno esploso diversi colpi di pistola contro un filobus Atm della linea circolare 90-91, che in quel momento era fermo al capolinea di piazzale Lotto. Nessuno, fortunatamente, è rimasto ferito: sul bus non c'erano passeggeri e l'autista del mezzo al momento della sparatoria non si trovava al posto di guida ed è dunque anch'egli rimasto illeso. L'episodio è accaduto poco prima delle 3 di notte: sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale che ora stanno indagando sulla vicenda e hanno appurato come i colpi siano stati sparati probabilmente da un'arma ad aria compressa. A segnalare l'accaduto in una nota è stata la rappresentanza sindacale Rsu del deposito di viale Molise: "Si continua a denunciare che di notte sui mezzi Atm succede di tutto, questa volta sono stati superati tutti i limiti di sopportazione, il personale ha paura e a Milano tutti fanno orecchie da mercante – hanno scritto i sindacalisti in una nota -. Cosa stanno aspettando? Che prima o poi ci scappi il morto?". Oltre al danno, con l'autista del bus comprensibilmente terrorizzato per il grave episodio a cui ha assistito, è arrivata anche la beffa: "Dopo questo fatto gravissimo, le disposizioni impartite dalla sala operativa al conducente sono inaccettabili – ha scritto la rappresentanza Rsu nella nota -. Invece di inviare sul posto le forze dell’ordine per accertare i fatti, nonostante il conducente abbia riferito all’operatore di sala che contro la vettura erano stati sparati dei colpi di arma da fuoco, e i vetri della stessa erano distrutti, la disposizione impartita dall’operatore è stata: prendi la vettura e portala in deposito. Inaccettabile".

La rappresentanza sindacale: Cosa stanno aspettando, che ci scappi il morto?

Secondo i sindacalisti sarebbe meglio sospendere il servizio notturno in assenza di un adeguato livello di sicurezza: "La security gestita da Atm cosa fa? Come mai non presidia i capolinea per dare sostegno ai colleghi conducenti? O gli ordini loro impartiti sono quelli di mero controllo del personale?". Un duro commento sui fatti di questa notte è arrivato dalla consigliera comunale (ed europarlamentare) Silvia Sardone, passata da poco nel gruppo della Lega: "La sparatoria di questa notte al capolinea della 90/91 a piazzale Lotto, che si aggiunge a una lunga sfilza di aggressioni sui mezzi pubblici, rappresenta l’ennesima dimostrazione che Milano non è una città sicura. Anzi, in certe zone e a certi orari è molto pericolosa. Cos’altro deve succedere perché il Comune intervenga in qualche modo? Deve per forza scapparci il morto?".