Dopo due giorni e quaranta ore di ricerche, è stato trovato morto Michael Costa, il giovane escursionista di 25 anni scomparso da sabato sul Monte Guglielmo. Attualmente è in corso il recupero del corpo del ragazzo. Le ricerche sono partite da Zone, località nei pressi del lago d'Iseo dove è stata trovata la macchina di Michael: ed è stato questo a far capire ai soccorsi da dove iniziare le ricerche. Sabato Michael ha postato alcune foto sul suo profilo Facebook ed è stato anche avvistato da due ragazze: determinante, per il ritrovamento del corpo, la localizzazione del tablet del giovane, che era ancora acceso dopo due giorni. Quando i soccorsi sono arrivati però, non c'era più nulla da fare: Michael Costa era già morto. Non si conoscono ancora le cause del decesso: il giovane potrebbe aver avuto un incidente durante l'escursione o aver accusato un malore.

Morto Michael Costa: era andato a fare un'escursione sul Monte Guglielmo

Michael Costa era originario di Vho, una frazione di Piadena in provincia di Cremona. Sabato era uscito per fare un'escursione sul Monte Guglielmo, ma non è mai più tornato. La famiglia, non vedendolo rientrare la sera, ha dato subito l'allarme: e così da due giorni decine di uomini e mezzi del Soccorso Alpino e Speoleologico della Lombardia, della Guardia di finanza, dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile hanno cercato senza sosta il giovane, sperando che fosse vivo e si fosse solo perso. Oppure che si fosse riparato in un punto aspettando i soccorsi. Fino alle 15.30, Michael Costa ha pubblicato foto della sua escursione sul suo profilo Facebook e, sempre nel pomeriggio di sabato, era stato visto anche da due ragazze. Nella serata di oggi, purtroppo, l'infelice scoperta: si scoprirà solo nelle prossime ore la causa della morte di Michael.