Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Dopo un litigio con la moglie è salito su uno dei cavalcavia dell'autostrada A9 con l'intento di compiere un gesto estremo, poi, salvato da un agente della polizia di Rho, una volta sull'asfalto ha tentato di rubare la pistola al poliziotto senza per fortuna riuscirvi. È accaduto a Passirana piccola frazione del comune di Rho alle porte di Milano, nel pomeriggio di domenica 6 ottobre.

Protagonista di questa intricata vicenda un uomo di 45 anni che salito su un cavalcavia dell'autostrada ha minacciato di lanciarsi nel vuoto: l'allarme è scattato intorno alle 14.30 quando la moglie dell'uomo ha richiesto l'intervento della polizia dopo che il marito al termine di un litigio si è lanciato dall'auto in corsa. Fermatosi nel bel mezzo dell'autostrada ha prima rischiato di essere investito, poi è salito su uno dei cavalcavia minacciando di lanciarsi nel vuoto. Sul posto sono giunti immediatamente gli agenti della polizia locale e i carabinieri che hanno tentato in tutti i modi di convincerlo ad abbandonare i propri intenti senza però riuscirvi. A questo punto uno degli agenti con fermezza è salito sul cavalcavia e ha afferrato il 45enne per le gambe riuscendo ad attirarlo a sé.

Non contento però l'uomo ha iniziato ad avventarsi contro gli agenti e i militari tentando, per fortuna invano, di afferrare la pistola dalla fondina di uno dei vigili: l'arma aveva però il blocco di sicurezza inserito e l'uomo ha così desistito grazie anche all'intervento di una vigilessa che lo ha bloccato con tempestività. Dopo qualche minuti gli agenti sono riusciti finalmente a rendere inoffensivo l'uomo e ad ammanettarlo. Il 45enne che non risulta avere precedenti penali è stato accompagnato al pronto Soccorso dell'ospedale di Rho e sottoposto a TSO, il Trattamento Sanitario Obbligatorio. Mentre un agente e un carabiniere sono stati accompagnati al pronto soccorso per essere medicati.