Alla fine Yves Saint Laurent ce l'ha fatta e aprirà un proprio store in Galleria Vittorio Emanuele a Milano. Il Tar (tribunale amministrativo regionale) ha infatti bocciato i ricorsi che sono stati presentati dalle società Luxottica e Moreschi contro l'assegnazione alla società di un locale proprio all'interno della galleria milanese. Secondo le due società il bando doveva essere annullato perché le offerte tecniche ed economiche da parte del Comune non erano state giudicate adeguatamente, anche perché, tra le altre cose, nel testo del concorso era specificato che l'attività proposta, oltre a essere di alto livello, avrebbe dovuto essere preferibilmente un'eccellenza italiana. La casa di moda lo scorso luglio si era aggiudicata l'affitto di uno spazio commerciale di circa 82 metri quadrati con un'offerta di un milione di euro all'anno: una cifra record se si considera che il locale ha un sola vetrina, nonostante sia nella zona centrale della Galleria. Il giudice del Tar però ha però sottolineato che "non appaiono allo stato fondate, poiché tali elementi valutativi non si presentano manifestamente irragionevoli", e che inoltre la società Luxottica, come sottolinea una delle due sentenze, "ha ottenuto 44 punti per la propria offerta tecnica, classificandosi infine al V posto nella graduatoria", riferendosi alla scelta di un'azienda italiana.