Il rapinatore ripreso dalle telecamere di sorveglianza
in foto: Il rapinatore ripreso dalle telecamere di sorveglianza

Si presentava come una normale cliente, a volto scoperto e con indosso un berretto, poi metteva la mano in tasca per fingere di avere un'arma e così si faceva consegnare l'incasso. Era questo il modus operandi del rapinatore arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Milano nel pomeriggio di martedì: l'uomo, un 52enne italiano, con problemi di tossicodipendenza e senza precedenti, avrebbe messo a segno più di 10 rapine ai danni di altrettante farmacie in diverse zone della città nel periodo tra ottobre 2018 e maggio 2019. Proprio per il suo copione messo in scena ad ogni colpo gli agenti sono riusciti a mettersi sulle tracce e ad arrestarlo: orami era diventato il "rapinatore gentleman" perché non aveva mai fatto del male a nessuno né aveva avuto atteggiamenti aggressivi nei confronti delle vittime.

L'uomo arrestato dopo una rapina compiuta mentre aveva l'obbligo di firma

Fermato lo scorso 6 maggio scorso in flagranza dopo aver rapinato una farmacia in piazza Gasparri, era stato liberato dopo qualche giorno, con l'obbligo di presentarsi all'autorità giudiziaria. Gli agenti però hanno continuato a tenerlo d'occhio e così il 31 maggio ha messo a segno il colpo dopo il quale è stato arrestato: il 52enne ha infatto rapinato una farmacia a Limbiate, questa volta cambiando il modus operandi e così la polizia ha chiesto l'ordinanza di custodia cautelare con la quale è finito in carcere. Gli agenti lo hanno fermato al commissariato di Comasina, dove si recava tutti i giorni per la firma.