Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Paura ieri mattina su un autobus della linea 67 di Atm, a Milano. Pochi minuti prima delle 10 un uomo è salito sul mezzo alla fermata di Quinto Romano, alla periferia del capoluogo lombardo, e ha esploso alcuni colpi con una pistola a salve. Subito dopo il blitz il misterioso autore del gesto, apparentemente inspiegabile, è fuggito, lasciando nello sconcerto gli altri passeggeri e il conducente del mezzo Atm. Quest'ultimo ha subito dato l'allarme chiamando la centrale: sul posto sono intervenuti sia gli addetti alla security dell'azienda di trasporti milanesi sia le forze dell'ordine, alle quali spetterà cercare di individuare il responsabile.

Un precedente analogo a giugno nella stessa zona

L'episodio, riportato dal quotidiano "Il Giorno", non ha provocato danni all'autobus né conseguenze per i passeggeri, a parte lo spavento e l'interruzione della corsa, con gli inevitabili disagi correlati. C'è però una particolarità: nella stessa zona, a giugno, si era verificato un episodio analogo. Anche in quel caso una persona, poi identificata in un ragazzo di 21 anni, appena sceso da un autobus (in quel caso della linea 76) in via Quinto Romano aveva esploso una decina di colpi di pistola contro il mezzo. Dopo lo spavento si era capito che il 21enne aveva utilizzato una pistola a salve: i colpi infatti non avevano lasciato alcun segno sul mezzo pubblico. Il 21enne era stato poi identificato e denunciato per interruzione di pubblico servizio, procurato allarme ed esplosioni pericolose; stesse accuse che rischia di dover affrontare l'autore del gesto di ieri mattina, non appena sarà identificato.