"Cari proprietari di immobili abbandonati, oggi vi stiamo spedendo una lettera piena degli impegni previsti nel nuovo Pgt. Tic Tac il tempo scorre e dovete agire!". Inizia così la nota dell'assessore milanese Pierfrancesco Maran che torna sugli obiettivi fissati dal Piano di governo del territorio per Milano 2030 e ricorda le condizioni poste dall'amministrazione comunale ai proprietari di edifici abbandonati e in condizioni di degrado. "La proprietà è un diritto che va esercitato con responsabilità nei confronti degli altri", è il messaggio.

Milano, il piano per gli immobili abbandonati: 18 mesi per abbatterli o metterli a posto

Palazzo Marino ha censito circa 180 proprietari di immobili che "dal momento in cui ricevono questa lettera, come attuazione del Pgt hanno 18 mesi per abbattere l'immobile abbandonato e salvaguardare i loro diritti edificatori, procedere al recupero" sfruttando i vantaggi concessi dal piano "oppure perdono tutti i diritti edificatori eccedenti l'indice base di 0.35mq/mq (a volte inferiore del 90% ai loro diritti precedenti)".

Nessuna giustificazione per chi lascia edifici vuoti

"Questa norma è stata pensata guardando gli immobili a Rogoredo in Medici del Vascello e anche simbolicamente le loro son le prime lettere che stiamo spedendo a seguito della pubblicazione del PGT settimana scorsa", scrive l'assessore Maran. La posizione del Comune è chiara: nessuna giustificazione e tempo scaduto per chi lascia immobili abbandonati "in un periodo di crescita della nostra città, dove c'è bisogno di case" e considerando che "la larga parte dei proprietari sono fondi, enti, assicurazioni e banche che hanno la capacità di intervenire".