(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Il 2019 sta per salutarci e a Milano è già tempo di programmazioni per l'anno che verrà. Questa mattina, lunedì 2 dicembre, è stato presentato a Palazzo Reale il programma completo delle 54 mostre che andranno a comporre l'offerta culturale del capoluogo lombardo per l'anno 2020. Dopo le celebrazioni dello scorso anno, ancora riflettori puntati su Leonardo, con diverse iniziative inserite nel palinsesto "Milano Leonardo 500". Tanti gli appuntamenti nelle sale del Castello Sforzesco, come "L’Atelier di Leonardo e il Salvator Mundi" e "Una scrittura allo specchio. I segreti della sinistra mano di Leonardo", mentre la Sala delle Asse resterà aperta fino al 19 aprile 2020, per permettere a tutti coloro che non l'hanno ancora fatto, di visitare l'eccezionale testimonianza della presenza di Leonardo da Vinci alla corte sforzesca, tra il 1452 e il 1519. Presenti alla cerimonia di presentazione anche l'assessore alla Cultura Filippo del Corno e il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

"I talenti delle donne"

Il programma espositivo del 2020 darà un grande spazio alle donne protagoniste della cultura e del pensiero creativo, con diversi eventi incentrati sul tema "I talenti delle donne". Tra le tante mostre in calendario citiamo quelle dedicate a Letizia Battaglia, Adriana Bisi Fabbri, Grazia Varisco, Marieda Boschi, Luisa Menazzi Morezzi e Federica Galli. Da non perdere anche la mostra "Divine avanguardie" in cui sarà possibile scoprire l'evoluzione della figura femminile come soggetto e oggetto di rappresentazione in Russia del Quattrocento al Novecento (Palazzo Reale), mentre "Donne del Barocco" sarà dedicata alle grandi artiste del ‘600.

Gli altri eventi

Tra i tanti appuntamenti che compongono il ricchissimo programma culturale milanese per il 2020 è giusto elencarne alcuni particolarmente significativi. Dal 14 al 19 aprile andrà in scena la Milano Artweek, un'intera settimana dedicata all'arte moderna, con un programma davvero ricco di appuntamenti. Tanti gli approfondimenti sulla cultura egizia lanciati dal museo archeologico, mentre all'acquario civico andrà in scena una mostra dedicata alle grandi scienziate italiane che si sono occupate del tema dell'acqua. Infine a Palazzo Morando sarà allestito uno spazio dedicato al costume, mentre al Pac verrà esplorato il mondo dell'arte contemporanea giapponese. Grande attesa anche per la mostra Chagall: Love and Life al Mudec, e per la retrospettiva su Federico Fellini 1920-2020 , che andrà in scena a Palazzo Reale in occasione del centenario della nascita del regista.

Le mostre del 2021

Nel corso della conferenza stampa di presentazione a Palazzo Reale sono state date anche alcune anticipazioni su quanto andrà in scena nel 2021. Palazzo Reale ospiterà alcune grandi retrospettive dedicate a Tiziano, a Edgar Degas e alla Pop Art, mentre il Pac ha già in programma la personale di Yuri Ancarani. "La programmazione espositiva che presentiamo oggi – ha commentato l'assessore Del Corno – si inscrive in un quadrante di coerenza e organicità, dove un asse cruciale è rappresentato dall'aderenza delle singole mostre all'identità e alla missione di ogni singolo istituto che li progetta e li realizza". Il sindaco Sala ha invece espresso il personale parere sull'importanza della cultura per una città come Milano. "La cultura non va considerata come un regalo alla città – ha spiegato Sala – ma fa parte del vivere cittadino. Le novità di quest'anno sono che stiamo cercando di allargare a più plessi. Sono dodici i plessi che ospiteranno i nostri eventi. E poi credo sia anche giusto dedicare un po' alle donne il 2020 dopo aver dedicato a Leonardo il 2019.